Home » DEFCON outlet

DEFCON outlet

RAMOND DIAMOND DEKKER & PATRICK !

RAMOND DIAMOND DEKKER  &  PATRICK ! - DEFCON

qualche tempo fa ricordavo dei bar-pub mitici del sud est asiatico come il LUCY'S TIGER DEN a BKK o AIRBORNE LEGION BAR...ove al'interno potevi trovare una bella aliquota di ex-qualcosa (ex legionari,ex seals,ex SOG) assieme ad una vasta platea di cacciapalle,poliziotti in borghese,poeti e truffatori.

il primo sembra essere servito anche come base di appoggio per i tentativo (culminato con l'arresto) del recupero dei POW/MIA del vietnam negli anni 80, vicenda che ha poi ispirato diversi film,da quello di RAMBO a "Fratelli nella notte".

da ricordare in belgio anche LA RENAISSANCE, un pub aperto da un ex-mercenario della guerra nel Congo negli anni 60, a Bruxelles.

sulle pareti di questi leggendari luoghi vi era una tutta una vita;  foto,oggetti,adesivi,brevetti militari,mappe,souvenir dei luoghi di operazione,accendini zippo usati dell'epoca etc etc....

altro che "lounge bar di tendenza" del piffero !

ispirato a quei luoghi è rimasto il pub- ristorante del mio amico PATRICK (si mangia davvero molto bene) un ex PARA' dei PARACOMMANDOS del belgio (ritenuti giustamente una unità d'elite tanto da portare sul basco amaranto il gladio alato del SAS) nonchè forse un ex- qualcosa in Francia..., grande appassionato di SKY-DIVING (in attivo) e di sport da combattimento (già campione del Belgio di BOXE anni 80).

oltre ad una parete militare "classificata" (bellissima) PATRICK ha ceato nel suo "DEN" una wall of fame dedicata ai campioni di BOXE e della MUAY THAI,ove troneggia il leggendario RAMON DEKKER.

notare come su quella memorabile fotografia di RD il cognome sia scritto come è stato sempre prounciato, ossia DEKKER senza la S finale come risulta invece all'anagrafe (...i "vecchi" lo continuano a chiamare così peraltro).

in primo piano il PATRICK che -posso confermare di persona- gli è rimasta una "castagna" niente male, anche perchè continua a tirare al sacco,e -se non sbaglio- quache anno fa ha combattuto in un "charity match"..vincendolo,pur non avendo più vent'anni !

interessante notare come il PATRICK aveva lavorato per un certo tempo nel mitico AIRBORNE LEGION bar, il quale era stato aperto da un ex-militare già operativo con Bob Denard il quale aveva lavorato al LUCY'S TIGER DEN...rinverdendo una bellissima tradizione di PUB-RISTORANTI che sono e rimarranno molto di più di luoghi ove bere una birra o mangiare qualcosa..

..anche perchè spesso ti puoi trovare a fianco un SEAL in servizio (vi è una base vicino ove si svolgono con frequenza addestramenti combinati)
o anche Jean Claude Van Damme !

http://www.patricksrestopattaya.com


Some time ago I remembered the legendary bars of South East Asia like Lucy's tiger den in BKK OR AIRBORNE Legion bar... where inside you could find a nice rate of ex-something (Ex Legionaries, ex seals, EX SOG ) together with a wide audience of tattletale, cops in bourgeois, poets and scammers.

The first seems to be also served as a support base for the attempt (culminated with the arrest) of the recovery of the pow / Mia of Vietnam over the years 80, story that inspired several movies, from Rambo to "brothers in the night".

To remember in Belgium also the Renaissance, a pub opened by an ex-mercenary of the war in the congo in the 60 s, in Brussels.

On the walls of these legendary places there was a whole life; Photos, objects, stickers, military patents, maps, souvenirs of operation places, Used Zippo Lighters of the era etc etc....

Other than "Trendy Lounge Bar" of MY ASS !

Inspired by those places there is the pub-restaurant of my friend Patrick (you really eat very well) an ex para ' of the paracommandos of Belgium (considered rightly an elite unit so much to bring on the basque amaranth the winged gladio of the SAS) An EX-something in France..., great fan of sky-Diving (Active) and combat Sports (already champion of boxing Belgium 80).

In addition to a "Classified" Military Wall (beautiful) Patrick Ceato in his "den" a wall of fame Dedicated to boxing champions and Muay Thai, where IS THE LEGENDARY RAMON DEKKER.

Notice how on that memorable photograph of rd The surname is written as it was always spoken, i.e. Dekker without the final s as it is instead of the registry (... the "old" continue to call it so).

In the foreground the Patrick that-I can confirm of Person-he left a "Chestnut" not bad, Also because he keeps pulling to the sack, and-if not
Wrong-some year ago he fought in a "charity match".. winning, although no longer twenty years old!

Interesting to notice how Patrick had worked For some time in the legendary Airborne Legion Bar, Which was opened by an ex-military already operating with Bob Denard who had worked at Lucy's tiger den... Rinverdendo a beautiful tradition of pub-restaurants that are and will remain much more than places where to drink a beer or Eating something..

.. also because you often can find yourself alongside a seal in service (there is a base near where yes They perform with frequency combined training) Or also jean Claude Van Damme!

 

tratto dalla pagina facebook di DEFCON

- RAMON DEKKER

- JEAN CLAUDE VAN DAMME

- AIRBORNE LEGION BAR

- PATRICK THE BELGIAN

- LUCY's TIGER DEN

vive la Mort....vive la Guerre !

vive la Mort....vive la Guerre ! - DEFCON

Vive la mort, vive la guerre, vive le sacré mercenaire !
viva la morte,viva la guerra,viva i sacri mercenari !

assolutamente controversa l'origine di questo motto,"battezzato" ufficialmente in un film dedicato ai Mercenari (dogs of war -1980-) durante un brindisi di gruppo,presente Christopher Walken (famoso per il mitico film "il cacciatore" assieme a Robert De Niro) e -sulla destra- Tom Berenger, il quale diventerà in seguito il Sgt Barnes nel film Platoon.

c'è chi assicura sia l'adattamento di un motto della Legione Straniera ma senza riscontri particolari al riguardo...

molto probabilmente l'origine di quel motto è da ascriversi proprio a quel film di 35 anni fa....e poi ripreso a vario titolo da soldati di ventura presenti nelle operazioni negli anni dopo a seguire,fino ad ufficializzarne il senso.


Long live death, long live war, long live the sacred mercenaries!

Absolutely controversial the origin of this motto," baptized " officially in a movie dedicated to mercenaries (dogs of war-1980-) during a group toast, present Christopher Walken (famous for the legendary movie " the hunter " together with Robert De Niro) and-on the right - Tom Berenger, who will later become Sgt Barnes in the movie platoon.

There are those who guarantee both the adaptation of a motto of the Foreign Legion but no particular feedback about it...

Most likely the origin of that motto is to be used to that movie from 35 years ago.... and then resumed in various title by soldiers of Ventura present in operations in the years later to follow, until they make sense.

 

tratto dalla pagina facebook di DEFCON

- vive la mort,vive la guerre !

- DOGS OF WAR

- MERCS

- SOLDIER OF FORTUNE

INSTRUCTOR ZERO & SPETSNAZ KARATE !

INSTRUCTOR ZERO & SPETSNAZ KARATE ! - DEFCON

due video uniscono Instructor Zero e l'ex Spetsnaz Andrei Kochergin (in foto con il GI rosso) fondatore del KOI karate in Russia;entrambi si basano sulla pericolosa privazione dell'ossigeno (o meglio dell'aria ove solo il 20% è ossigeno) indotta mediante strangolamento o utilizzando un sacchetto
di polietilene;

nel primo caso si cerca di far resistere l'allievo come prova di coraggio e resistenza alla paura ed al dolore;

nel secondo caso Instructor Zero riesce ad andare a bersaglio efficacemente superando la soglia nella quale la privazione di aria e la sensazione di soffocamento diminuiscono al max capacità di coordinamento e motoria.

correttamente il secondo video viene accompagnato da un avvertimento di non provare mai e per nessun motivo tecniche del genere (chiamate "il lato oscuro dell'addestramento,ossia the dark side of training) vista la autentica e certificata pericolosità.

ne primo video invece forse rivive l'esperienza Spetsnaz del Russo: nel caso dell' addestramento di quei Reparti Speciali, si continua dare moltissima enfasi alla costruzione fisica e psicologica degli Operatori,con tecniche che spingono fino al punto di rottura allievi ed Operatori come routine quotidiana;

ANDREI KOCHERGIN ai 1.20 del video:

https://www.youtube.com/watch?v=udDEOfdRjUY


INSTRUCTOR ZERO SUFFUCATION DRILL :

https://www.youtube.com/watch?v=qK6DD3_9xdk

 

tratto dalla pagina facebook di DEFCON

- INSTRUCTOR ZERO

- ANDREI KOCHERGIN

- KARATE KOI

- SPETSNAZ

 

CODICE DI ONORE !

CODICE DI ONORE ! - DEFCON

Figliolo, viviamo in un mondo pieno di muri e quei muri devono essere sorvegliati da uomini col fucile. Chi lo fa questo lavoro, tu? O forse lei, tenente Weinberg?

Voi non volete la verità perché è nei vostri desideri più profondi che in società non si nominano, voi mi volete su quel muro, io vi servo in cima a quel muro. Noi usiamo parole come onore, codice, fedeltà. Usiamo queste parole come spina dorsale di una vita spesa per difendere qualcosa. Per voi non sono altro che una barzelletta. Io non ho né il tempo né la voglia di venire qui a spiegare me stesso a un uomo che passa la sua vita a dormire sotto la coperta di quella libertà che io gli fornisco e poi contesta il modo in cui gliela fornisco. Preferirei che mi dicesse la ringrazio e se ne andasse per la sua strada. Altrimenti gli suggerirei di prendere un fucile e di mettersi di sentinella ! "

(Col. USMC Nathan R. Jessep)

"Son, we live in a world that has walls, and those walls have to be guarded by men with guns. Whose gonna do it? You? You, Lt. Weinburg? I have a greater responsibility than you could possibly fathom. You weep for Santiago, and you curse the marines. You have that luxury. You have the luxury of not knowing what I know. That Santiago's death, while tragic, probably saved lives. And that my existence, while grotesque and incomprehensible to you, saves lives. You don't want the truth because deep down in places you don't talk about at parties, you want me on that wall, you need me on that wall. We use words like honor, code, loyalty. We use these words as the backbone of a life spent defending something. You use them as a punchline. I have neither the time nor the inclination to explain myself to a man who rises and sleeps under the blanket of the very freedom that I provide, then questions the manner in which I provide it. I would rather you just said thank you, and went on your way, Otherwise, I suggest you pick up a weapon, and stand a post !"

 

tratto dalla pagina facebook di DEFCON

- COL.JESSEP

- CODICE D'ONORE

- MARINES

- GUANTANAMO

MUSHIN - NO MENTE...

MUSHIN - NO MENTE... - DEFCON

"anger is just like picking up a hot piece of coal and trying to throw it at the person you hate. you are the only one that gets burned."

tra Confucio e Buddha, lo spirito di un monaco che divide il suo unico pasto giornaliero -da consumarsi prima di mezzogiorno- con una grande tigre (come se fosse un gatto solo un pò più grosso) rimarca il concetto giapponese di

MUSHIN 無心

ossia NO-MENTE, la corretta forma mentale priva di rabbia, sentimenti negativi e quant'altro.

la rabbia inquina ed intorbidisce la mente di chi ha scelto la via delle armi ed avvelena quella di tutti gli altri:

"la rabbia è come prendere un pezzo di carbone incandescente e provare a scagliarlo contro la persona che odi. tu sarai l'unico a venirne bruciato."

come dire....RABBIA NO BUONO !

 

tratto dalla pagina facebook di DEFCON

- MUSHIN

- MONACI BUDDHISTI

- WAT PA LUANG TA BUA

- THAILANDIA